Nasce ufficialmente nel 1908 rifacendosi ad una moda, in voga durante la dominazione degli Asburgo nel secolo precedente, che in quel periodo non era altro che l'antenata della comune borsetta da signora. Inizia quindi producendo borsette con decorazione a "piccolo punto"; parallelamente mantiene l'interesse per la produzione del mesh, un tessuto metallico esclusivo costituito di  spighette di rame ricoperte da oro e argento prodotto tutt'oggi con un telaio presente in azienda sin dal 1920. Affiancando anche l'attività di legatoria e decorazione di copertine in pelle per libri sacri, la produzione dell'azienda prosegue senza sosta e si afferma negli anni grazie alla qualità e alla definizione del proprio prodotto.

Ammirando l'archivio storico di Leu Locati troviamo borse da sera e cerimonia, articoli  e accessori da viaggio, ma anche bisacce, cinture e caricatori per proiettili forniti all'esercito italiano durante la prima guerra mondiale. La costante ricerca di forme inedite, unite all'intuito di Luigi, Emanuele e Umberto Locati, ne ha decretato un successo, mai appannatosi.

Già dal dopoguerra iniziano i primi contatti con la conseguente introduzione dei propri prodotti all'interno del mercato giapponese. Paolo Amato, dal 1994 a capo della storica azienda milanese, ad un anno dai festeggiamenti del centenario dell'azienda si trova nelle condizioni di dover incrementare costantemente le maestranze per far fronte ad una crescita costante di produttività grazie alle commesse ricevute dai clienti fidelizzati che non possono rinunciare alla creatività e alla manifattura di qualità esclusiva di Leu Locati.